GINNASTICA POSTURALE GLOBALE

Scoliosi nei bambini

La scoliosi è una patologia scheletrica che comporta una deformazione morfologica più o meno grave, a volte addirittura è drammatica, che colpisce i bambini in fase di sviluppo, nei quali comporta un’anomalo sviluppo della colonna vertebrale, che è il bersaglio specifico della patologia.

Fisiologicamente la colonna vertebrale, formata da 32-33 vertebre poste in colonna, l’una sopra l’altra, separate da una sorta di cuscinetto detto “disco interverterbale” che riduce l’attrito, cresce e si sviluppa in altezza durante tutto il percorso di sviluppo del bambino, seguendo un asse longitudinale centrale. Nella colonna vertebrale scoliotica questa crescita subisce una alterazione: si ha un input errato che porta le vertebre a ruotare intorno all’asse centrale mentre prosegue l’accrescimento in direzione verticale, processo che genera un avvitamento della colonna che si rende evidente nel piano frontale sottoforma di una vera e propria curva spostata a dx o a sn dell’asse centrale stesso.

Questa rotazione inizia solitamente in un determinato distretto della colonna, più spesso a livello lombare, dove si forma la cosiddetta curva primaria. Essa genera però una alterazione posturale che viene più o meno rapidamente, corretta in modo automatico dall’organismo generando una seconda curva, detta di “COMPENSO”, nei distretti superiori(dorsale e/o cervicale), con un andamento esattamente opposto rispetto alla primaria, per promuovere il mantenimento della fondamentale egemonia dell’orizzontalità dello sguardo. La gravità del fenomeno è variabile e va assolutamente valutata.

È necessario effettuare un RX del Rachide in Toto, che andrà esaminata dall’ortopedico il quale andrà a misurare goniometricamente l’entità della curva.

L’aspetto fondamentale della scoliosi, che la rende annoverabile tra le patologie gravi, è la sua natura CRONICO-EVOLUTIVA: la scoliosi non trattata è destinata a peggiorare e la velocità maggiore di peggioramento è situata nei due anni precedenti il menarca femminile e la pubertà maschile.

Per questo motivo è necessario un trattamento mirato e costante nel tempo che, in casi gravi dovrà avvalersi dell’utilizzo di busti e corsetti oltre ad una buona rieducazione posturale globale ma nei casi meno gravi o nelle scoliosi scoperte precocemente potrà trovare giovamento anche solamente dal trattamento fisioterapico, evitando traumi psico-fisici importanti in una età già particolare per gli adolescenti.

Relatore: FT Silvia Castelli

ASSOCIATI FISIOMED - CENTRO MEDICO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO | 1, Via Natali - 62100 Macerata (MC) - Italia | P.I. 01669690438 | Tel. +39 0733 202880   - Tel. +39 0733 205252 | associatifisiomed@live.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite