fbpx
Certificato medico: ecco tutto quello che c’è da sapere | Associati Fisiomed
818
post-template-default,single,single-post,postid-818,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge | shared by vestathemes.com,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Certificato medico: ecco tutto quello che c’è da sapere

Certificato medico: ecco tutto quello che c’è da sapere

Condividi
  • Il mese di settembre significa fine delle vacanze, ma per moltissimi anche ripresa quotidiana o settimanale dell’attività fisico-motoria e sportiva. Cosa sappiamo però del certificato medico?

    Il Ministero della Salute distingue 3 tipologie di attività fisico-sportiva:

    1. ludico-motoria: è stato soppresso il certificato medico sportivo
    2. non agonistica: è obbligatorio il certificato medico sportivo
    3. agonistica: è obbligatorio il certificato medico sportivo

    ATTIVITÀ LUDICO MOTORIA – È l’attività, individuale o collettiva, praticata da “soggetti non tesserati finalizzata al raggiungimento e al mantenimento psico-fisico, non regolamentata da organismi sportivi e comprende anche l’attività che si svolge in proprio

    In pratica: per andare a nuotare in piscina, o in palestra, a correre al parco o a giocare a calcetto non è obbligatorio il certificato medico sportivo. Tuttavia alcuni centri fitness o piscine lo richiedono come forma di tutela e assicurazione da eventuali infortuni.

    ATTIVITÀ NON AGONISTICA –  Si intendono le attività sportive svolte dai tesserati e organizzate dal CONI, da società sportive affiliate alle Federazioni sportive nazionali (FIGC, FIN, FIT, FIPAV,etc), gli Enti di promozione sportiva riconosciuta dal Coni (CSI, PGS, UISP, CUSI etc) o gli organi scolastici nell’ambito delle attività parascolastiche. In questi casi i tesserati devono presentare il certificato medico sportivo.

    Può essere rilasciato da uno specialista in medicina dello sport, da un medico di medicina generale o dal pediatra e deve contenere gli esiti di una anamnesi ed esame obiettivo, della misurazione della pressione e di un elettrocardiogramma a riposo. Devono farlo gli alunni che svolgono attività fisico-sportive ì parascolastiche, organizzate cioè dalle scuole al di fuori dall’orario di lezione; coloro che fanno sport presso società affiliate alle Federazioni sportive nazionali e al Coni (ma che non siano considerati atleti agonisti); chi partecipa ai Giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale. Possono rilasciarlo il medico di medicina generale per i propri assistiti; il pediatra di libera scelta per i propri assistiti; il medico specialista in medicina dello sport ovvero i medici della Federazione medico-sportiva italiana del CONI.

    Validità e durata del certificato medico – Il controllo deve essere annuale ed il certificato ha validità annuale con decorrenza dalla data di rilascio.

    ATTIVITÀ AGONISTICA –  Sono le attività sportive praticate come membri tesserati a una Federazione sportiva o Ente sportivo riconosciuti dal Coni e praticate in maniera continuata con la partecipazione regolare a gare e incontri agonistici. In questo caso il certificato medico sportivo è obbligatorio, deve essere rilasciato da uno specialista di medicina dello sport e deve prevedere esami approfonditi che attestino l’idoneità della persona alla pratica di uno sport a livello agonistico (per esempio la spirometria, l’esame delle urine, il test visivo e l’elettrocardiogramma sotto sforzo).

    Cosa è possibile prenotare presso il centro ASSOCIATI FISIOMED di Sforzacosta ed  il centro medico SOMACHANDRA di Corridonia? – Il nostro centro medico può rilasciare in tempo reale certificati alla pratica sportiva non-agonistica. La visita e l’inerente esame obiettivo, focalizzato sul sistema cardiovascolare, è effettuata da un medico specialista in Cardiologia in patologie cardiache  dell’adulto e del bambino. L’elettrocardiogramma e la visita sono integrati dall’ecocardiogramma, l’esame che mostra l’anatomia e la funzionalità del cuore nonché le caratteristiche dei flussi all’interno del cuore. Tale indagine consente di identificare patologie cardiache che talora sfuggono ad una pur attenta valutazione clinica/obiettiva ed elettrocardiografica.

Condividi
No Comments

Post A Comment