fbpx
Emorroidi: Cosa sono, come si curano, a chi Rivolgersi | Associati Fisiomed
814
post-template-default,single,single-post,postid-814,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge | shared by vestathemes.com,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Emorroidi: Cosa sono, come si curano, a chi Rivolgersi

Emorroidi: Cosa sono, come si curano, a chi Rivolgersi

Condividi

In senso lato, tutti abbiamo le emorroidi, cuscini di vene situate appena sotto la superficie delle mucose dell’ano e del retto. E tutti possono accusare patologia emorroidaria, infatti circa il 75% delle persone sperimenterà problematiche di questo tipo nella loro vita (ma solo circa il 5 % cercherà una consultazione specialistica). Le emorroidi che causano problemi si trovano ugualmente in uomini e donne con il picco tra i 45 e i 65 anni.

Quello che comunemente chiamiamo le emorroidi” è quello che accade quando queste vene si gonfiano provocando caratteristici sintomi.

SINTOMI – Vanno dal sanguinamento rettale (“gocciolamento” di sangue rosso vivo spontaneo ed alla defecazione); prurito anale; dolore anale, dolore o disagio, in particolare in posizione seduta; movimenti intestinali dolorosi; rigonfiamenti nella zona anale.

CAUSE –  La gravidanza, il sovrappeso e la diarrea possono contribuire nella patologia emorroidaria. Altre cause di emorroidi includono l’assunzione inadeguata di fibre, la costipazione, ponzamenti (sforzi addominali) continui per portare a termine la defecazione, prolungate sedute in toilette, età e determinate condizioni mediche.

TRATTAMENTI – Si può intervenire in 2 modi, in primis mediante la terapia medica conservativa poi eventualmente ricorrendo alla terapia chirurgica.

La terapia medica conservativa è finalizzata a regolarizzare le abitudini intestinali, con dieta ad alto residuo scorie (frutta, verdure), integratori formanti massa fecale morbida, abolizione alcol e grassi animali,  emollienti locali non cortisonici e semicupi caldi.

La terapia chirurgica si realizza attraverso la scleroterapia e la legatura elastica (intervento in ambulatorio utilizzando la sonda sottile chiamata proctoscopio, introdotta nell’ano mentre il malato è sdraiato su un fianco). Nei casi invece più avanzati si dovrà ricorrere alle moderne tecniche di resezione del complesso mucoemorroidario prolassato verso l’esterno

Condividi
No Comments

Post A Comment