Fibroscan: cos’è e a cosa serve?

Ultimo aggiornamento: 03/08/2023

La macchina FibroScan: una rivoluzione nella diagnosi delle malattie epatiche

Negli ultimi anni, la medicina ha fatto importanti progressi nella diagnosi e nel trattamento delle malattie epatiche. Una delle più recenti innovazioni in questo campo è l’introduzione della macchina FibroScan. Questo dispositivo, conosciuto anche come elastografia a impulsi, è diventato uno strumento fondamentale per valutare la salute del fegato in modo rapido e non invasivo.

Le malattie epatiche, come l’epatite, la cirrosi e l’accumulo di grasso nel fegato (steatosi epatica), possono causare gravi danni all’organo e comprometterne il corretto funzionamento. In passato, la diagnosi di queste condizioni richiedeva spesso una biopsia epatica, un procedimento invasivo che comporta alcuni rischi per il paziente. Tuttavia, grazie alla macchina FibroScan, è possibile ottenere informazioni precise sulla salute epatica senza dover ricorrere a questa procedura dolorosa.

La tecnologia utilizzata dalla macchina FibroScan si basa sull’elastografia a impulsi. Questo metodo misura la rigidità del fegato, che è un indicatore diretto dello stato di salute dell’organo. Un fegato sano è morbido e flessibile, mentre la presenza di tessuto cicatriziale o infiammazione rende l’organo più rigido. La macchina utilizza un trasduttore per inviare onde sonore ad alta velocità nel fegato e misura il tempo impiegato dalle onde per attraversarlo. Più lungo è il tempo di propagazione, più rigido è il fegato. Queste misurazioni vengono quindi trasformate in una scala di unità di misura chiamate kPA, che forniscono informazioni sulla gravità della malattia epatica.

Un vantaggio significativo della macchina FibroScan è la sua rapidità. Il test può essere eseguito in pochi minuti durante una visita medica di routine, fornendo immediatamente risultati accurati sullo stato del fegato. Questo è particolarmente importante per le persone a rischio di malattie epatiche, come coloro che hanno una storia di abuso di alcol, sovrappeso o malattie croniche come l’epatite B o C. Essendo un test non invasivo, la procedura è indolore e non comporta rischi per il paziente.

Inoltre, la macchina FibroScan può essere utilizzata per monitorare nel tempo l’evoluzione delle malattie epatiche e valutare l’efficacia dei trattamenti. Ad esempio, un paziente che segue una terapia farmacologica per l’epatite C può sottoporsi regolarmente a esami FibroScan per valutare l’effetto del trattamento sul suo fegato. Questo permette ai medici di apportare modifiche alla terapia se necessario, per garantire i migliori risultati possibili per il paziente.

Tuttavia, è importante sottolineare che la macchina FibroScan è uno strumento di screening e non può sostituire completamente la biopsia epatica. In alcuni casi, potrebbe essere necessario eseguire una biopsia per ottenere una valutazione più dettagliata del danno epatico. Tuttavia, la macchina FibroScan riduce notevolmente la necessità di procedure invasive e può essere utilizzata come strumento di screening iniziale.

 

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli

Iscriviti alla Newsletter!

Newsletter
× Hai bisogno di aiuto?