Ago aspirato tiroideo: quando va fatto?

Ultimo aggiornamento: 10/06/2024
[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

L’ago aspirato tiroideo è una procedura diagnostica poco invasiva utilizzata per valutare noduli o masse sospette che si trovano nella tiroide. Questa tecnica prevede l’uso di un ago sottile per prelevare un campione di cellule dalla tiroide, che viene poi analizzato al microscopio. È una procedura fondamentale per determinare la natura benigna o maligna di un nodulo tiroideo. Sapere quando è necessario sottoporsi a un ago aspirato tiroideo può aiutare i pazienti a comprendere meglio le loro condizioni di salute e le raccomandazioni mediche.

Ago aspirato tiroideo: quando va fatto

L’ago aspirato tiroideo è generalmente raccomandato quando vengono rilevati noduli sospetti durante un esame fisico o un’ecografia della tiroide. Le principali indicazioni includono:

  • Noduli di dimensioni significative: noduli di dimensioni superiori a 1 cm, specialmente se solidi o con caratteristiche ecografiche sospette, vengono spesso valutati con l’ago aspirato. Noduli più piccoli possono essere sottoposti a esame se presentano caratteristiche ecografiche altamente sospette.
  • Caratteristiche ecografiche sospette: l’ecografia della tiroide può rivelare caratteristiche che indicano un rischio maggiore di malignità, come piccole calcificazioni, margini irregolari, forma alta-larga e aumento della vascolarizzazione interna.
  • Crescita rapida: noduli che mostrano una crescita rapida o modifiche in un breve periodo devono essere assolutamente controllati.
  • Sensazioni di compressione alla gola: noduli che causano sintomi compressivi come difficoltà a deglutire, respirare o un cambiamento della voce.
  • – Noduli vicini a linfonodi anomali: la presenza di linfonodi cervicali anomali può aumentare il sospetto sul nodulo della tiroide.

Come funziona l’ago Aspirato?

La procedura è rapida e in genere non dà molto fastidio. Non sono necessari preparativi particolari. È  al massimo che venga chiesto di sospendere temporaneamente farmaci anticoagulanti. Solitamente non è necessaria l’anestesia, ma in alcuni casi può essere applicato un anestetico locale per ridurre il disagio.

Poi utilizzando l’ecografia come guida, un ago sottile viene inserito nel nodulo tiroideo per aspirare un piccolo campione di cellule. La procedura dura pochi minuti. Dopo l’aspirazione, il paziente può tornare immediatamente alle normali attività. Un lieve disagio o un piccolo livido nel sito di inserzione dell’ago è comune, ma questi sintomi scompaiono rapidamente.

Come leggere i referti dell’ago aspirato

I campioni prelevati durante l’ago aspirato vengono analizzati da un patologo. I risultati possono essere:

  • – Nodulo benigno: la maggior parte dei noduli tiroidei sono benigni e non richiedono ulteriori interventi se non il monitoraggio periodico.
  • Nodulo maligno: se le cellule sono cancerose, il trattamento può includere la chirurgia, la terapia con iodio radioattivo o altre terapie oncologiche.
  • – Nodulo indeterminato: in alcuni casi, i risultati possono essere indeterminati, e potrebbe essere necessario un ulteriore ago aspirato o un intervento chirurgico diagnostico.
  • – Nodulo non diagnostico: se il campione non contiene abbastanza cellule per una diagnosi, l’aspirazione può dover essere ripetuta.

 Vantaggi dell’ago aspirato

Va sottolineato come l’ago aspirato tiroideo è una procedura sicura e ha molti vantaggi: è poco invasiva, è accurata e ha un basso rischio.

L‘ago aspirato tiroideo è quindi uno strumento diagnostico essenziale per la valutazione dei noduli tiroidei. È raccomandato per noduli di dimensioni significative, con caratteristiche ecografiche sospette, o che causano sintomi compressivi. Ricordate di consultare il medico endocrinologo per una valutazione accurata.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli

Iscriviti alla Newsletter!

Newsletter
× Hai bisogno di aiuto?