TAC CONE BEAM 3D: cos’è e come funziona

Ultimo aggiornamento: 18/03/2023

La diagnostica dentale è una procedura che mette al servizio della salute orale tecnologie sempre più avanzate, come la TAC Cone Beam 3D. Vediamo nel dettaglio cos’è e come funziona.

TAC CONE BEAM 3D: COS’È

La TAC Cone Beam 3D (CBCT) è una moderna metodologia diagnostica che consente di avere una vera e propria ricostruzione tridimensionale delle ossa del cavo orale e mascellare, delle strutture nervose, delle vie aeree e dei seni paranasali. Tra gli esami di diagnostica dentale, la TAC Cone Beam è ad oggi quello più all’avanguardia: con la nuova tecnologia è possibile, infatti, ottenere scansioni 3D ad alta risoluzione di ossa mascellari, denti, gengive, lingua, tessuti molli, con una bassa esposizione alle radiazioni.

TAC CONE BEAM 3D: COME FUNZIONA

L’esame non è invasivo, è veloce (dura circa 40 secondi) e non richiede alcuna preparazione specifica. Al paziente viene prima chiesto di rimuovere eventuali oggetti metallici presenti a livello di testa e collo, poi verrà fatto sedere all’interno del macchinario. Lo scanner inizierà a ruotare attorno alla testa e riporterà una serie di immagini distinte che verranno successivamente ricostruite da un software in formato 3D.

La Tac Cone Beam 3D sfrutta una bassissima dose di raggi X emessi in forma conica e, grazie al sistema di rotazione, permette di scansionare a 360° o 180° l’area interessata. Ciò consente di ottenere in pochi secondi e con una bassa esposizione alle radiazioni, immagini tridimensionali ad alta risoluzione.

TAC CONE BEAM 3D: A COSA SERVE

L’esame Cone Beam 3D viene solitamente utilizzato per la pianificazione degli interventi chirurgici e per avere una panoramica precisa prima di iniziare un percorso terapeutico. L’esame Cone Beam consente, infatti, al medico, di visualizzare in 3D le strutture anatomiche di interesse e quelle critiche adiacenti, aiutandolo a definire in modo mirato la terapia o il trattamento più adeguato al caso.

In particolare, la TAC Cone Beam viene effettuata:

  • Nel caso in cui sia necessaria un’estrazione del dente;
  • Per verificare la corretta posizione degli impianti, le loro dimensioni e la loro posizione;
  • Prima di un intervento di implantologia;
  • Per il controllo del muscolo temporo-mandibolare;
  • Nella diagnosi di problemi masticatori;
  • Prima di una devitalizzazione;
  • Per lo studio delle patologie mascellari (cisti, tumori, lesioni);
  • Per lo studio dei seni paranasali;
  • Nel contesto post-chirurgico per valutare eventuali complicanze.

 

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli

Da Fisiomed nasce Ozono Lab

Da Fisiomed nasce Ozono Lab

Ozono Terapia: di cosa parliamo? Gli studi del Prof. Dr. Tricarico Quando si applica l’Ozono Terapia? Come si applica l’Ozono terapia? L'ozono...

Iscriviti alla Newsletter!

Newsletter
× Prenota Ora